Video-tutorial: Come creare un template personalizzato per le email su Active Campaign

Video-tutorial: Come creare un template personalizzato per le email su Active Campaign

Ed ecco l’ultimo dei 3 video che illustrano come creare un template personalizzato per le tue email professionali. Oggi ti mostrerò tutte le funzionalità dell’editor di Active Campaign.

E siamo arrivati alla terza ed ultima parte di questo ciclo di 3 articoli, in cui abbiamo visto come creare un template per le tue email su GetResponse e su Aweber. Oggi tocca alla terza piattaforma per l’email marketing: Active Campaign.

Se usi un altro autoresponder, niente paura: ho già creato altri 2 video, rispettivamente su GetResponse e AWeber.

(altro…)

Video-tutorial: Come creare un template personalizzato per le email su AWeber

Video-tutorial: Come creare un template personalizzato per le email su AWeber

Nell’articolo precedente, ho illustrato quanto sia importante creare un template personalizzato sulla tua piattaforma di email marketing, e ti ho mostrato come farlo in GetResponse. In questo secondo video-tutorial, il secondo della nostra serie di 3, ti spiego facile facile come creare un template personalizzato per le tue email su AWeber.

E tu che piattaforma per l’email marketing hai? Non mi dire che ancora non ce l’hai?!

Se così fosse ti invito a vedere lo scorso video in cui ho illustrato l’importanza di avere una piattaforma di email marketing, ma soprattutto l’importanza di avere un template personalizzato per le tue email: si tratta di un “biglietto da visita” essenziale per la tua azienda, che ti dà subito quel tocco di professionalità ed autorevolezza.

Se usi GetResponse, vai a vedere lo scorso video perché contiene un tutorial passo passo per costruire un template personalizzato proprio con questa piattaforma.

Se invece usi Aweber, continua a seguirmi, perché l’argomento di oggi è proprio questo!

(altro…)

Video-tutorial: Come creare un template personalizzato per le email su GetResponse

Video-tutorial: Come creare un template personalizzato per le email su GetResponse

Creare un template personalizzato sulla tua piattaforma di email marketing è essenziale: ti permette di avere un’immagine uniforme, elegante e dare ai tuoi destinatari una percezione di professionalità e affidabilità. In questo video-tutorial, il primo di una serie di 3, ti spiego facile facile come creare un template personalizzato per le tue email su GetResponse.

Partiamo dall’inizio: ce l’hai una piattaforma per l’email marketing? Se la risposta è “Boh?” oppure “C’ho l’email su Google”, continua a leggere che ti spiego cos’è. Se ce l’hai salta un paragrafo.

Te la faccio semplice. Una piattaforma per l’email marketing, o autoresponder se vuoi, è un servizio che manda email al posto tuo. Le email possono partire in una data prestabilita oppure al compimento di una determinata azione; ad esempio, la piattaforma può mandare un’email quando un utente si iscrive alla newsletter, una dopo una settimana, una dopo 10 giorni ecc. Queste ultime sono dette follow-up.

Seconda domanda, un po’ più “intima”. Hai già creato un template per le tue email? Se la risposta è “Boh?” oppure “C’ho la firma in fondo ai messaggi”, continua a leggere che ti spiego cos’è. Se ce l’hai già… continua lo stesso che ti spiego come farlo ancora meglio 😀

Anzi, ti spiego come farlo su 3 piattaforme differenti.

(altro…)

10 risorse gratuite per il digital marketing per imprenditori e professionisti

10 risorse gratuite per il digital marketing per imprenditori e professionisti

Come professionista sono continuamente alla ricerca di nuovi strumenti per apprendere, tenermi aggiornata, velocizzare il mio lavoro e promuovermi sul web… e sicuramente anche tu 😉
Ecco una selezione di 10 risorse preziosissime che ho trovato sul web: libri, podcast, webinar, ma anche applicazioni online e servizi. Non ci crederai, ma sono tutti GRATIS! Seguimi fino alla fine, troverai una consulenza esclusiva e gratuita di digital marketing che voglio farti conoscere.

Ascolta questo articolo

“Il primo lo paghi, il secondo è gratis!”
“Allora dammi il secondo!”

Ahhh, l’Internet! Quando sono sbarcata in questo mare i naviganti erano pochi, eravamo tutti un po’ pirati e un po’ signori e, soprattutto, si udiva in lontananza la voce delle mille sirene che ci spingeva a lasciare la riva con il dolce suono della parola: “Gratis!” Era una specie di anarchia digitale in cui noi squattrinati studenti universitari avevamo la ferrea convinzione che tutto, e dico tutto, dovesse essere condiviso gratis. Le risorse digitali erano rigorosamente free e tutti avevano la smania di condividere, mostrare i propri lavori, donare il proprio tempo.

Ma l’Università è finita, siamo diventati professionisti, imprenditori, e quel mare è diventato un oceano pieno di pesci grossi e con porti invasi da container di merci. I canti delle sirene non si sentono più, coperti dagli schiamazzi del mercato del pesce, in cui tutto è in vendita e ogni cosa è a pagamento.

Ma per i naviganti che si imbarcano oggi, esistono ancora delle isole felici dove si trovano risorse gratis da prendere a piene mani e senza pagare neanche un soldo? Certamente, mio buon mozzo di bordo: in questo articolo ti mostrerò la rotta giusta per trovare 10 succulente risorse gratuite per imprenditori e professionisti che vogliono migliorare il loro business online. Seguimi fino alla fine… troverai una gradita sorpresa! Arrr!

(altro…)

4 trucchi per creare un logo professionale

4 trucchi per creare un logo professionale

Cosa distingue un logo “bello” da uno “brutto”? Non c’è bisogno di essere “addetti ai lavori”, un potenziale cliente anche non particolarmente competente in design può accorgersi che un logo è poco professionale e bollare un’azienda come “di bassa qualità”. Ecco 5 modi per riconoscere un bel logo… e per analizzare il tuo prima di crearlo.

Qualche settimana fa McDonald’s ha cambiato il suo logo classico, quello con gli archi dorati, con uno più… ehm… particolare.

Logo Mcdonalds Emily Z

Sì. L’ha fatto davvero.

L'”opera” è nata dalle mani di Emily Z, una TikTocker che, forte dei suoi studi avanzati di graphic design, ha deciso di operare un restyling dei loghi delle grandi multinazionali, a suo dire, brutti e poco professionali. Guarda qui:

Disclaimer per i meno “anglofoni”: Emily sta facendo dell’ironia, anzi, si è creata proprio un personaggio, quello della giovane graphic designer molto piena di sé e decisamente poco talentuosa. Un personaggio che ha avuto un successo eccezionale, visto che McDonald’s si è prestata al gioco divertendosi a “cambiarsi i connotati” per un giorno.

Cosa c’è che non va nel suo lavoro? Semplice. I suoi loghi sono BRUTTI. Non c’è bisogno di possedere una competenza professionale tale da comprendere per quali canoni estetici questo logo si possa definire brutto, semplicemente l’occhio, anche quello poco allenato, si accorge che “c’è qualcosa che non va” e percepisce un senso di scarsa professionalità, poca attenzione ai dettagli e, di conseguenza, bassa qualità del prodotto che quell’azienda vende.

I lavori di Emily Z sono dei casi estremi e grotteschi, ma anche piccoli difetti, magari percettibili solo agli addetti ai lavori, possono far scattare in chi guarda un senso di “non so cosa c’è che non va, ma non mi piace proprio”. Il marchio, la comunicazione grafica di un’azienda, sono l’elemento chiave della riconoscibilità dell’azienda stessa.  Pensa al logo di McDonald’s, quegli archi gialli che riconosceresti tra mille. «Quel bellissimo edificio adornato da quegli archi» diceva Ray Kroc nel film The Founder «non dice soltanto “Deliziosi hamburger all’interno”, rappresenta la famiglia, rappresenta la comunità, è un posto dove gli americani si riuniscono per spezzare il pane». Al di là del (discutibilissimo) personaggio di Kroc nel film, sono parole sante. Il tuo logo rappresenta i tuoi valori, per questo le sue forme non devono essere lasciate al caso.

Voglio svelarti 5 trucchi per sapere se il tuo logo sarà in grado di rappresentare la tua azienda al meglio e rendere riconoscibile la tua professionalità, la tua cura per i clienti e la tua passione. Eccoli qui:

(altro…)