Blog - EnzaLaFrazia.it - Articoli sul web marketing, social network e business online

  • 6 regole per la scrittura per il web

    Hai difficoltà nella scrittura dei tuoi articoli di blog? Sei abituato a scrivere per la carta e stai per cimentarti con la scrittura per il web? Vuoi un copywriting che converta e appassioni?Rispetta queste 6 regole e vai sul sicuro!

    Mi è capitato proprio poco fa: abbiamo lanciato da qualche giorno il sito di una mia cliente, un sito web di presentazione della sua attività di consulenza con un bel blog in cui inserire contenuti che potranno interessare i suoi lettori e spingerli ad acquistare la sua consulenza.

    Era felicissima di intraprendere questo percorso e aveva curato con dedizione tutti i contenuti che mi aveva fornito, mi aveva affiancato con entusiasmo man mano che i lavori procedevano e aveva programmato il lancio nei minimi dettagli.

    Poi ieri, come un fulmine a ciel sereno, mi è arrivata la sua email con un oggetto funereo: “Non riesco a scrivere niente”.

    Come mai tanto entusiasmo si era spento nella sindrome del foglio bianco?

    Perché aveva paura che i suoi articoli fossero troppo elementari, troppo poco raffinati, troppo inadatti al web. Eppure aveva tanti contenuti in mente!

    Allora ho voluto darle qualche consiglio per scrivere bene per il web e per impaginare gli articoli in modo che attirino clic, condivisioni, e soprattutto conversioni.

    Voglio condividere gli stessi consigli con te. Se hai difficoltà nella scrittura dei tuoi articoli di blog, se sei abituato a scrivere per la carta e stai per cimentarti con il web, se vuoi un copywriting che converta e appassioni, rispetta queste 6 regole per la scrittura sul web.

    Leggi tutto

  • Video tutorial: Importare CSV in una tabella Excel (il metodo semplice)

    Video tutorial: Importare CSV in una tabella Excel (il metodo semplice)

    Il tuo sito ti ha fatto esportare un file in formato CSV e non hai idea di come leggerlo? Ecco un metodo semplicissimo e veloce per leggere i dati con Excel senza dover interpretare quella sequenza di dati… bastano pochi clic!

    Nel video-tutorial di oggi voglio spiegarti un metodo semplicissimo per importare i dati di un file CSV in una tabella Excel per visualizzarli in maniera chiara ed ordinata e salvarli in XLS o XLSX.

    Molti clienti mi hanno chiesto di aiutarli con i loro file CSV: i programmi di fatturazione online, i siti ecommerce, o anche i form di raccolta dati sui siti web spesso fanno scaricare ed esportare questo tipo di dati, per poi re-importarli in altri software o siti e confrontarli automaticamente.

    Hai esportato un file in formato CSV e non hai idea di come leggerlo? Ti sembra solo una sequenza di parole senza senso e non riesci a vedere a colpo d’occhio il dato che ti serve? Oppure vorresti usare quei dati per inserirli nella tabella excel che stai creando?

    Ti spiego io come fare!

    Leggi tutto

  • 5 consigli per un business online al femminile

    5 consigli da donna a donna per un business online al femminile

    Sei un’imprenditrice o una professionista e vorresti portare il tuo business sul web? Oppure stai creando proprio ora il tuo business online? Ecco 5 consigli da donna a donna per intraprendere nel migliore dei modi questa strada e raggiungere i tuoi obiettivi… abbattendo gli stereotipi di genere.

    Siamo tutti un po’ abituati ai titoli del tipo: “Italia ultima al mondo per…”, “All’Italia va il primato negativo del…”, “Italia fanalino di coda per…”.

    Ma questa notizia, come donna, mi brucia ancora di più: una ricerca di Equileap finanziata dalla Commissione Europea ha stilato una classifica delle società quotate nelle principali Borse Europee per parità tra uomini e donne, basandosi su 19 criteri (tra cui numero di donne impiegate, divario retributivo tra uomini e donne e politiche anti-molestie). Le aziende Italiane hanno una gender equality del 42%. Non male, penserete. Eh, no!

    Le altre Nazioni Europee ci superano: la Germania raggiunge il 44%, la Spagna il 46%, la Svezia il 49% e i cugini francesi raggiungono un ragguardevole 52%.

    Ma il dato più preoccupante è un’altro: le aziende italiane hanno sì integrato le donne nella propria forza lavoro, ma presentano delle preoccupanti barriere all’accesso ai ruoli dirigenziali: solo il 12% dei capi azienda sono donne e solo il 18% sono dirigenti.

    Non esagero quando dico che si tratta di un dato preoccupante: rispecchia un’antica e pericolosa convinzione che vorrebbe le donne relegate a un ruolo di comprimarie nel business.

    Ma cosa possiamo fare noi donne per rovesciare queste convinzioni?

    Ho già scritto un articolo che parla della mia personale esperienza con il gender gap nel mio settore; credo che la cosa migliore che possiamo fare è mettere in gioco noi stesse e la nostra passione come professioniste, imprenditrici, specialiste, anche utilizzando il web e l’internet marketing per emergere e competere.

    Hai mai pensato di abbracciare il cambiamento e presentare la tua professionalità su Internet?Leggi tutto

  • Usare i contributi dello Stato per rilanciare l'impresa attraverso l'ecommerce: Intervista ad Angelo Calò

    Usare i contributi dello Stato per rilanciare l’impresa attraverso l’ecommerce: Intervista ad Angelo Calò

    Esistono tante vie per reperire fondi da destinare all’aumento dei tuoi guadagni attraverso l’ecommerce. In questa intervista ad Angelo Calò, Commercialista e Consulente aziendale esperto in Marketing e Comunicazione d’impresa, tutte le indicazioni per accedere ai contributi statali post-lockdown.

    Nel periodo di rallentamento e incertezze successivo al lockdown, le piccole e medie imprese investono sul mercato digitale: come già evidenziato in un mio precedente articolo, secondo una ricerca ISTAT del dicembre 2019, le vendite online hanno avuto una crescita del 38%. E ti dirò di più: durante il lockdown i clienti del commercio elettronico sono triplicati e, secondo una ricerca Netcomm, cresceranno del 55% nel corso del 2020.

    È chiaro quindi che la scelta di puntare sul digitale potrebbe rivelarsi quella vincente per risollevare un’economia provata da uno stop di più di 2 mesi. Ma come possiamo ricavare un piccolo risparmio per investire nel digital marketing e nella creazione di un brand su internet quando ci tocca fronteggiare mesi di perdite?

    Ho voluto girare questa domanda ad Angelo Calò, Commercialista e Consulente aziendale esperto in Marketing e Comunicazione d’impresa e specializzato nell’aiutare imprese e liberi professionisti che versano in una situazione di difficoltà.

    Leggi tutto

Torna in cima