Controlliamo i social network o ne siamo controllati? - Prima parte
  • Controlliamo i social network o ne siamo controllati

    Il documentario di Netflix “The Social Dilemma” ha risvegliato negli utenti dei social network la paura di esserne controllati ed essere vittime di una “intossicazione digitale”. E tu che ne pensi del digital detox?

    Ma controlliamo i social, o siamo controllati dai social?

    Questa domanda me l’hanno fatta non so quante volte. E dopo l’uscita del docu-film Netflix “The Social Dilemma”, la preoccupazione è cresciuta.

    Lo scenario proposto dal film è catastrofico: persone “zombificate” dallo smartphone, masse pilotate nelle loro scelte politiche, ragazzi in crisi d’astinenza dal web come eroinomani all’ultimo stadio.

    Ma come stanno davvero le cose? I social sono strumenti del demonio? Dobbiamo imbracciare i forconi? Prima di cominciare a riempire le molotov, facciamo il punto della situazione e cerchiamo di guardare alla vicenda con razionalità ed obiettività.

    Il popolo del web ha amato da subito il mondo dei social, gettandovisi a capofitto e, spesso, senza molto senso critico. Ma dopo una lunga fase di “innamoramento”, stanno cominciando ad emergere i primi dubbi.

    La prima incrinatura sulla superficie luccicante del mondo social è stata la gestione della privacy e, ancor di più, l’uso “spericolato” dei dati personali, sfruttati senza pietà per scopi di profilazione e marketing, a volte senza che gli utenti avessero ben chiaro cosa stava accadendo.

    La crisi si è acuita quando non è stato più possibile ignorare il fenomeno delle fake news. Quando ormai i buoi erano scappati, Facebook, Twitter & Co. hanno cercato grossolanamente di chiudere la stalla, annunciando dei provvedimenti più o meno efficaci per segnalare e cancellare il prima possibile i post che diffondessero notizie false o fuorvianti.

    Ma il vero punto di rottura sta arrivando ora: ora che gli utenti, più che per la privacy, sono preoccupati per la propria salute mentale.

    I social riescono sempre più spesso a manipolare le nostre scelte, le nostre preferenze, la nostra percezione del mondo. Non riusciamo a farne a meno, non riusciamo a “staccare”, non riusciamo a ignorare la notifica.

    La risposta più saggia, quella che va adottata di fronte a qualunque “dipendenza”, è tentare di disintossicarsi:

    • si moltiplicano i luoghi e i locali “smartphone free”
    • ci affidiamo a tecniche ed iniziative di digital detox

      Ci tengo a segnalarti quella del mio amico Virginio De Maio, che si è messo alla guida di “Filmatrix OFF”, per impegnarsi tutti contemporaneamente a “spegnere” del tutto gli smartphone (e non solo) per un solo giorno, il 1° novembre 2020, per generare consapevolezza negli utenti e nei gestori dei servizi sul web


    • qualcuno opta per la chiusura definitiva di uno o tutti gli account sui social media

    Prima che pensi alle soluzioni più drastiche, vorrei farti riflettere: perché privarti del tutto dei social, e quindi anche dei loro effetti benefici?

    I social media permettono di creare e mantenere una rete di colleghi, collaboratori, contatti di lavoro, insomma sono una modalità di networking estremamente comoda ed efficace.

    I social network possono essere un alleato prezioso per tenersi informati, soprattutto sulle novità del tuo settore professionale.

    Se sei un imprenditore o un libero professionista, una strategia di social media marketing è essenziale, e supportarla con una presenza attiva sul social media è ancora più utile per costruire un solido branding.

    Perché rinunciare del tutto e senza appello alle possibilità che questo mezzo ti offre? Anziché perderti a guardare video di gattini, lasciare commenti al vetriolo sui post politici e controllare ossessivamente le quotazioni del fantacalcio, non sarebbe meglio usarli in maniera più coerente e con una precisa finalità?

    Non posso darti consigli “medici” per superare la dipendenza da social, né formule miracolose per usare i social nel modo “giusto”.

    Posso solo dirti che, per non ammalarsi di social network, occorre avere i giusti anticorpi. E, se vuoi, ti dirò come faccio io ad evitare l’“intossicazione digitale”.

    Tra esattamente 7 giorni ti darò i miei 4 consigli per usare i social senza dipendenze, ma senza perderti tutti i benefici che i social offrono, soprattutto per il tuo lavoro e per la tua impresa.

    Iscriviti alla Newsletter
    Se vuoi essere sicuro di non perderli, iscriviti alla newsletter. Scrivi la tua mail qui sotto e schiaccia il pulsantone.

    Tranquillo, niente spam, ti avviserò solo quando verranno pubblicati i prossimi articoli.

    Checkbox label

    Condividi senza forconi!

    Ciriciao gente!

    Enza

    Vuoi dire la tua? Commenta

    Se vuoi dire la tua, lascia un commento.

    Se sai come si fa, puoi usare questi tag e attributi HTML:

    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 


Torna in cima