• paura-percorso-avventura

    Credimi: le conseguenze della scelta dell’hosting sbagliato possono fare tanta paura… Ti consiglio di valutare questi 6 fattori prima di scegliere l’hosting per il tuo sito web o il tuo blog.

    Fin dalla più tenera età, mentre gli altri bambini erano impegnati a fare torte di fango e ad imparare nuove parolacce, io sviluppavo fobie. Ero e sono terrorizzata da un numero impressionante di cose e situazioni palesemente innocue, davanti alle quali resto per lo più paralizzata e mi fingo morta come fanno gli opossum.

    Tra le mie paure ataviche, una delle più radicate e più gravi è sicuramente la paura delle altezze.

    percorso-avventura-superare-paure

    Quella nella foto sono io.
    Intenta a camminare su un cavo sospeso nel vuoto a non so neanche quanti metri d’altezza.
    Ma soprattutto, non sono paralizzata e non mi sto fingendo morta.

    Come è potuto succedere? Semplice. Arrivata a metà del cavo, sotto il caschetto di sicurezza nel mio cervello è affiorato un ricordo: quella volta che il server è finito sotto attacco.

    Diversi anni or sono, mentre ero in vacanza, ci fu un massiccio attacco hacker su molti server: quelli più scrausi, non dotati di sistemi di sicurezza aggiornati, finirono infettati da un malefico Trojan e caddero sotto i colpi del nemico.
    Il mio era uno di quelli.
    Manco a dirlo, dissi addio alla vacanza e cercai una soluzione, con pochissima se non nulla collaborazione da parte del mio hosting di allora, sommersa da telefonate di clienti inviperiti perché il servizio era stato sospeso. Alla fine gettai la spugna e migrai tutto su un nuovo fornitore.

    Ebbene, sospesa nel vuoto, a metà di un cavo d’acciaio a sudare freddo sotto il caschetto, mi resi conto che quella sensazione era nulla rispetto al terrore che ti prende quando… il server è sotto attacco!

    E lì ho realizzato tre cose:
    La prima: posso guardare in faccia le mie paure in qualsiasi momento; basta avere il coraggio di mettere il primo piede sulla corda e lasciare la pedana.
    La seconda: è importante fissare bene il cavo di sicurezza all’imbragatura.
    La terza: bisogna sempre scegliere il proprio hosting con molta cura.

    Come forse avrai intuito, mi preme parlare di quest’ultima 😉
    Posso darti qualche dritta per scegliere l’hosting che fa al caso tuo?

    1. Considera quali sono le reali necessità del tuo sito

    Pensa a quante visite farai. Ma non tra 1 anno, adesso. E’ inutile pensare ad un piano hosting avanzatissimo, con un sacco di banda e tantissimo spazio. Piuttosto, cerca un hosting che abbia dei piani scalabili, con la possibilità di aumentare le risorse in base all’aumento delle necessità del tuo sito.

    2. Cloud hosting: sì o no?

    Personalmente non lo consiglio quasi mai: di solito il tuo sito farà più o meno sempre lo stesso numero di utenti, no? In questo caso, meglio un hosting tradizionale, che permette anche un migliore controllo dei costi.

    E’ possibile però che tu abbia un sito che ha dei “picchi” di visite: ad esempio per delle promozioni speciali, oppure quando pubblichi un nuovo video, o una nuova risorsa. In questi casi è comodo avere un hosting in cui puoi aumentare le risorse in un periodo di tempo per poi ri-dimimuirle in un altro.

    3. PHP, ASP, MySQL, AWANASGEPS, TUNZTUNZ...

    La prima cosa che ti viene proposta su tutti i siti che offrono hosting è questa: Windows o Linux? Dipende dal tuo sito: se ad esempio hai intenzione di installare WordPress, dovrai prendere uno spazio Linux (PHP) con un database MySQL.

    Se hai dei dubbi, chiedi informazioni al tuo webmaster o al tuo programmatore.

    4. Calcola bene i prezzi di rinnovo

    Esistono hosting che hanno offerte speciali per il primo anno, dopodiché i prezzi per il rinnovo dal secondo anno in poi raddoppiano! Fai attenzione anche al prezzo di listino, non solo al prezzo d’offerta, se non vuoi avere brutte sorprese

    5. Il supporto tecnico è efficiente?

    È importante avere un aiuto in caso di difficoltà, quindi personalmente scelgo servizi che abbiano anche un buon supporto tecnico, che risponde con cortesia e soprattutto con celerità.

    6. Dove è collocato fisicamente il server?

    Se il tuo pubblico è prevalentemente italiano, ti conviene scegliere un hosting con server in Italia. Più il server è vicino, meno tempo ci vorrà a servire le pagine.

    Inoltre, i motori di ricerca indicizzeranno meglio un server italiano per ricerche fatte da utenti italiani.

    In parole povere: non esiste un server o un fornitore che vada bene per tutti, ma proprio per tutti. Tutto sta a valutare bene quale sia la necessità in termini di traffico e tipologia del sito e spulciare un po’ le offerte dei principali hosting.

    È proprio come camminare su un filo: si tratta di trovare il giusto equilibrio 😉

    serverplan-hosting affidabile
    Spesso approfitto delle offerte di Serverplan: sono italiani, hanno un ottimo rapporto qualità prezzo e un supporto tecnico efficientissimo. Ma soprattutto puoi prendere il loro piano hosting base e, se le esigenze del sito dovessero variare, passare facilmente ai piani più avanzati.

    Non fingerti morto come un opossum! Condividi:

    Ciriciao gente!

    Enza

Vuoi dire la tua? Commenta

Se vuoi dire la tua, lascia un commento.

Se sai come si fa puoi usare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>